Damnoen Saduak e Maeklong: il mercato sull’acqua e quello sulla ferrovia!

Bangkok, Thailandia. Bangkok è una delle metropoli più frenetiche del mondo, un via vai continuo di gente, motorini e macchine costantemente incolonnate in un traffico senza fine. Una delle maggiori attrazioni della città sono i suoi mercati, soprattutto i cosiddetti floating markets, ovvero i mercati galleggianti.

Il mercato galleggiante più noto si chiama Damnoen Saduak, a circa 100 km da Bangkok, ed è raggiungibile con gli autobus pubblici che partono dal Terminal Sud della città. Arrivati sul posto però, è necessario noleggiare una barca per fare il giro del mercato. In alternativa, ci si può organizzare con uno dei tanti mini bus che si trovano girando per la turistica Via Surathani. In questo caso, si paga una cifra tonda che comprende viaggio fino al mercato e barca da condividere con altre persone. 

Mercato

Il motoscafo che porta verso il mercato passa affianco a un vero e proprio villaggio costruito sull’acqua in cui le vie sono sostituite da canali e le palafitte prendono il posto dei palazzi. Al di là della sovrabbondanza di acqua, la vita si svolge regolarmente, gli abitanti si muovono sulla propria barchetta e una mamma fa il bagnetto al proprio bimbo in una bacinella nell’attico della palafitta: normali scene di vita quotidiana.

Img EvidenzaIl mercato vero e proprio si è inevitabilmente trasformato da una necessità della gente del posto ad una vera e propria attrazione turistica, con tutti gli inconveniente del caso: code infinite di barche e bancarelle galleggianti che invece che vendere frutta e verdura offrono ogni tipo di souvenir thailandese – gli elefanti vanno per la maggiore. Per evitare di ritrovarsi immersi nel circo turistico e godersi le scene suggestive delle persone che vanno davvero a rifornirsi al mercato, conviene arrivare la mattina presto.

Se i mercati galleggianti sono cosa conosciuta un po’ dappertutto, una vera e propria sorpresa è stato trovare un mercato.. sulla ferrovia! A circa venti minuti di auto da Damnoen Saduak, sorge il mercato di Maeklong, che esiste da decenni, ben prima della costruzione della ferrovia. Questo mercato rifornito di ogni bene alimentare dal pesce, alla frutta alla verdura, è rimasto indisturbato per molti anni, finché non è stato deciso che i binari della Maeklong Railway dovessero passare proprio li in mezzo.

Contrariamente a quanto accade di solito, nessuno ha imposto ai venditori di spostarsi da qualche altra parte. Il risultato è che otto volte al giorno, al passaggio del treno, i venditori con le bancarelle a ridosso dei binari tirano indietro le casse di frutta e i bancali di pesce e richiudono velocemente i tavolini pieghevoli, che altrimenti verrebbero letteralmente spazzati via dal treno. Insomma, non proprio il massimo della sicurezza. Passato il treno, ogni cosa viene risistemata nella posizione iniziale, come se nulla fosse successo. E’ curioso e sorprendente osservare la tranquillità con la quale i venditori eseguono queste operazioni, che per loro costituiscono ordinaria amministrazione. 

Treno

Insomma, bellissimo spettacolo, anche se io ad essere sincera, frutta e pesce attraversati da un treno otto volte al giorno non ho proprio avuto il coraggio di assaggiarli! 

Cheers!

 

3 pensieri su “Damnoen Saduak e Maeklong: il mercato sull’acqua e quello sulla ferrovia!

  1. manuela

    Qui non ci sono stata per motivi di tempo. Ma quando me ne ha parlato Andrea ne sono rimasta affascinata. sai che dicono che molto probabilmente il mercato sulla ferrovia non esisterà più per motivi di sicurezza (e ce credo)? :D

  2. Elisa

    Ciao! sono approdata qui cercando info per il mio viaggio i Thailandia..
    Parto tra poco e sarà il mio primo viaggio in Asia, sono emozionatissima!
    Chissà se riuscirò a farci entrare anche queste cose :( me lo segno intanto!
    Grazie ;)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>