Quando tornate da un viaggio, non dimenticatevi il caricabatterie!

L’oggetto più dimenticato in vacanza è il caricabatterie, seguito da vestiti e biancheria intima.

Oggetti smarriti vacanza Finding Neverland Travel BlogC’è sempre quel momento, che di solito coincide con la sera prima della partenza, in cui in tutta calma ripercorriamo la lista -scritta o mentale – delle ‘cose fondamentali da portare‘ e ci assicuriamo di averla rispettata fino all’ultimo oggetto. Con questo metodo, dovrebbe filare tutto liscio, e così pensiamo di essere a posto per il resto della vacanza. Non pensiamo mai, ad esempio, che sarebbe bene che tutti quegli oggetti selezionati scrupolosamente tornassero anche indietro con noi, una volta terminate le ferie. 

Devo ammettere che ogni tanto ho la testa tra le nuvole e, durante i miei numerosi viaggi, mi è capitato di dimenticare le cose più disparate nei posti più improbabili. In cima alla lista la volta in cui ho lasciato lo zaino con documenti e biglietti aerei del ritorno sul rullo del metal detector dell’aeroporto dell’Avana, appena atterrata (che poi ho fortunatamente ritrovato).

A pari merito solo l’esperienza di un capodanno passato a Valencia, in cui arrivata all’aeroporto pronta per rimpatriarmi, metto la mano in borsa e non trovo nè carta d’identitàpassaporto. Infatti, ironia della sorte, per sbaglio avevo portato con me entrambi i documenti di identità. Anche in questo caso, sono stata fortunata: ho aspettato che la polizia aeroportuale tornasse dalla siesta -con la calma che si addice a qualsiasi spagnolo che si rispetti- ho fatto la denuncia, ho mostrato la scansione della mia carta d’identità sul computer portatile -che non so per quale bizzarro motivo avessi portato con me- e, alla fine, sono riuscita ad imbarcarmi. 

A quanto pare però, sono in buona compagnia. Secondo una recente indagine del motore di ricerca di prezzi di hotel Trivago, condotta su 3000 intervistati in tutta Europa, succede spesso di lasciare nella stanza di hotel gli oggetti più disparati. In testa il caricabatterie, dimenticato dal 28% degli italiani, seguito dalla biancheria intima e dai vestiti, ma soprattutto dalle scarpe, che molto spesso rimangono nascoste sotto il letto.

La ricerca mette in luce anche la passione degli italiani per la tecnologia: i tablet (4%) e la macchina fotografica (2%), infatti, sono gli oggetti meno ‘abbandonati’ negli hotel. 

Per quanto mi riguarda, devo rassegnarmi all’idea di far parte di quel 3% di turisti che dimentica o perde documenti e portafogli, il che probabilmente mi colloca nella cerchia degli sbadati patologici, anche se in realtà mi consolo convincendomi del fatto di essere semplicemente una viaggiatrice anomala. 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>